ALBERTO BARDI, ARTE E POLITICA CULTURALE

in primo piano:
ALBERTO BARDI, ARTE E POLITICA CULTURALE
Incontro nel trentennale della scomparsa
GNAM, Galleria Nazionale d’Arte Moderna 
Sala “Belle Epoque”
domenica 7 dicembre 2014












Gli interventi:
BRUNO ALLER
PAOLO CIOFI
MARIO LUNETTA
MARIA VITTORIA MARINI CLARELLI
GIUSEPPE MASETTI
CECILIA PASI
ENRICO PULSONI
MARIO QUATTRUCCI
CLAUDIA TERENZI
ALDO TORTORELLA
LUCIO VILLARI
VINCENZO VITA




ALBERTO BARDI
OPERE DAL 1981 AL 1983
Roma, Galleria Arte e Pensieri
11 aprile - 4 maggio 2013

Giovedì, venerdì e sabato
dalle 16.00 alle 20.00

Altri giorni su appuntamento


INAUGURAZIONE: 
Giovedì 11 APRILE ore 18.00 Galleria Arte e Pensieri, via Ostilia 3a (Metro Colosseo)

Le opere esposte in questa mostra rappresentano gli ultimi anni della ricerca di Alberto Bardi, scomparso nel luglio del 1984. Una così folgorante e felice espressività, dove i colori determinano il gesto, la dinamica del dipinto, le illuminazioni, è stata preceduta da un’attenta analisi della struttura pittorica che lo ha portato, negli oltre trent’anni di lavoro, ad approfondire e a sperimentare sempre nuove metodologie con risultati appassionanti, sia sul piano tecnico che formale. Quindi, una continua riflessione sulla qualità della pittura, sull’impatto percettivo, condotta con estremo rigore e al tempo stesso con grande libertà creativa. Dalle prime scomposizioni della figurazione, alle essenziali opere astratte degli anni ’60, dove si scorge una rilettura del suprematismo, ma anche una originale dinamica delle forme, alla ricerca analitica degli anni ’70 basata su sottilissime texture che invadono tutta la superficie, determinando una intensa continuità ritmica di colore e di illuminazioni. Infine, nei lavori di Alberto Bardi che qui presentiamo, il rigore si coniuga con una autentica passione, che suscita un tumulto di colori, di ritmi, di spazi e di luce, evocando quanto di più profondo vi era nel suo rapporto con la pittura.
Claudia Terenzi



LA INTENSA AZIONE DEI COLORI


Come non pochi artisti della sua stessa generazione, Alberto Bardi in questi ultimi decenni era stato poco considerato, fino alla mostra di Ravenna del 2011, presentata da Claudio Spadoni, dove veniva documentato, con un’accurata scelta di opere, l’intero lavoro dell’artista, dal primo periodo figurativo, ad una sorta di espressionismo basato su una gestualità accentuata, dai forti colori, siamo agli anni ’60, fino alla completa astrazione, di matrice suprematista, dove poche forme essenziali, dai colori altrettanto essenziali, si bilanciavano su un campo bianco, creando fenomeni di luce e di spazialità puramente pittorica. Da questa esperienza, certamente legata ad una riflessione sulle avanguardie, ma al tempo stesso segnata, a volte, da una gestualità più libera ed istintiva tendente a spezzare le geometrie, a ricercare colorazioni inedite, e quindi a far coesistere il rigore progettuale con una certa casualità compositiva, nasce un periodo di intensa meditazione sul segno, sulla stesura cromatica, sulla materia stessa della pittura. Verso la metà degli anni ’70 la ricerca di Bardi è infatti concentrata su una analitica modularità dei segni che si intensificano nella intera superficie, sorta di textures cromatiche mai ripetitive nelle intense vibrazioni luminose e anche nel valore compositivo: “Se la superficie è in qualche modo un campo proporzionato – scriveva Nello Ponente nel ’74 – Bardi ha avuto la possibilità di intervenire ulteriormente, creando principi di sperimentazione aperta, creando altre accensioni, altri e più complicati contrasti, quelli dei bianchi, dei rossi, dei verdi, dei viola. E questa sperimentazione, del resto connaturata alla tecnica specifica delle matrici pastellate che egli impiega, lascia largo margine ad una casualità di risultati”.
Di qui per giungere alle ultime opere presentate in questa mostra, realizzate tra ’80 e l’84, anno della morte dell’artista, che rivelano una intensa libertà creativa, dove il colore prevale con una forza dirompente che determina e guida l’intera gestualità della composizione. Anche in questa ricerca, così evidentemente fuori da ogni schema rigido, precostituito, permane evidente un metodo, una attenta valutazione della superficie pittorica e quindi, pur nel superamento della analitica esperienza precedente, coesistono progettualità e passione, creatività e rigore: ”da un lato i valori della logica e dall’altro la fascinosa liberazione dell’inconscio”, ha scritto Achille Perilli nell’83 in occasione della mostra di Bardi presso il gruppo Altro/lavoro intercodice, gruppo con cui Alberto ha collaborato e che certamente ha influito anche sulla sua ricerca. Al contrario della voluta e intensa serialità delle opere precedenti, in queste si sviluppa sostanzialmente una continua dinamica del colore, capace di sommuovere lo spazio di superficie, di modificare ogni volta la struttura compositiva, di creare immagini sempre nuove nelle tracce dei segni, che si sovrappongono, si susseguono con un ritmo continuo, si addensano o si scompongono nelle più variate direzioni, suscitando straordinari effetti di luce/colore. Infine la molteplicità dei procedimenti usati, tecniche miste, pastello a cera, olio, tempera, acquarello ecc. tutti materiali con cui opera, spesso combinandoli, con estrema sapienza e quindi con risultati di grande qualità.
Claudia Terenzi